Jane Austen, Mainsfield Park

Ho impiegato gran parte della prima metà di luglio a questo libro, e il risultato si può leggere qui.

_

Gabriel García Márquez, Nessuno scrive al colonnello

Non c’è più alcun motivo per negarlo: il 2017 è l’anno delle grandi e piccole perdite, per me, e anche l’anno di Márquez. Per fortuna: perché iniziare un suo libro è come tornare a casa. E in questo momento ne ho davvero bisogno.
Nessuno scrive al colonnello è l’anello di congiunzione strettissimo tra il Márquez degli inizi e quello che non era ancora nato e che già era in incubazione e che tutti, anche se non lo sapevano ancora, stavano aspettando.
Il tema dell’uomo militare che si sacrifica per il suo Paese e per la sua causa e poi si trova con niente, ma rimane integro e anche nell’abbruttimento in cui viene costretto, è ricorrente in Márquez, ma le sfumature che di volta in volta Márquez accarezza valgono ogni lettura.
(Gli altri racconti, invece, mi sono piaciuti un po’ meno.)

Processed with VSCO with a1 preset

_

Nick Hornby, High Fidelity

Non so perché (cioè, lo so: il mio problema con l’immaginarmi i libri molto diversi da come sono ecc) ma mi aspettavo High Fidelity fosse molto, molto diverso da come si è rivelato.
È difficile, prima di tutto, volere un po’ di bene Rob Fleming. Non è la prima volta che mi succede: però personaggi del calibro di Humbert Humbert (Nabokov, Lolita), Zeno Cosini (Svevo, La coscienza di Zeno) e Frédéric Moreau (Flaubert, L’educazione sentimentale) sono passati alla storia e vivono felici sulla mia libreria, pur essendo dei libri molto lontani da quelli a cui riservo l’appellativo di i miei preferiti, per un motivo: pur essendo ostili alla lettura, con la loro continua manipolazione del discorso – che, d’altronde, è tutto quello che abbiamo, quando leggiamo – parlavano magnificamente. E, in un certo senso, è sempre stato abbastanza per riscattare la loro inettitudine: la loro vita reale non vale un millesimo della vita che costruiscono a parole, ma non ci importa. Quella inventata è altrettanto vera – e bellissima.
Rob no, mi spiace dirlo, Rob è average, in tutto. Temo che sia anche per l’improvvisa vicinanza, scongiurata negli esempi che ho fatto, dei tempi e dei modi in cui ci si immerge leggendo High Fidelity: è tutto improvvisamente normale, in questo libro, e allo stesso tempo difficilmente relatable.
Un paio di volte ho sorriso e annuito, una di sicuro mi sono commossa, ma non basta a non farmi considerare questo un libro troppo settoriale: è per amanti minuziosi e abbastanza snob della musica con il cuore spezzato che non riescono proprio a mollare il cinismo e pensano sia anche un po’ figo. Insomma, considerando quanto mi è piaciuto un romanzo breve su un vecchio generale sudamericano che aspetta nel suo piccolo paesino che gli arrivi la pensione che aspetta da quindici anni, ecco – fate un po’ voi.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s